Marigliano, il PUC della discordia scuote la maggioranza a pochi mesi dalle elezioni

0
485

Grande tensione politica in città dopo la pubblicazione della nota ufficiale del PD Marigliano, a firma del segretario Carmine Napolitano. Il documento prende posizione sul recente Piano Urbanistico Comunale, ma soprattutto prende le distanze dal PUC adottato il 18 febbraio scorso  dall’amministrazione del sindaco Carpino, che del Partito Democratico è espressione.

“L’adozione dello strumento urbanistico, atteso da un tempo infinito – scrive Napolitano – imponeva la massima condivisione possibile a partire dall’individuazione di specifiche linee in Consiglio comunale, al confronto costante con la popolazione, con le associazioni e con le forze politiche. […] Il Partito Democratico di Marigliano aveva dettato precise linee direttive, tra le quali la salvaguardia delle zone sature e la perfetta conformità al Piano Territoriale di Coordinamento della Città Metropolitana di Napoli. Il Puc adottato dall’Amministrazione comunale, non risulta in armonia con le linee tracciate dal Partito”.

Una dichiarazione molto netta che spiazza l’amministrazione comunale e prefigura iniziative forse anche più spiazzanti in vista delle prossime elezioni comunali. In tal senso sembrano annunciare qualcosa le ultime righe del comunicato: “E’ il momento di recuperare il tempo perduto, il Partito Democratico garantirà, dopo la imminente tornata elettorale, un confronto leale e trasparente per le nuove scelte di sviluppo della Città di Marigliano”.

Diverse le reazioni sui social, dove i cittadini hanno manifestato perplessità in merito al fatto che la maggioranza rischi di sconfessare se stessa, almeno sull’argomento caldissimo della pianificazione urbanistica. Mancano due mesi alla fine del mandato, e dopo quasi cinque anni di governo sembra aprirsi una crisi che agli occhi degli elettori sembra palesare quantomeno uno strano tempismo. Intanto nella tarda serata di ieri si è fatto registrare anche lo strappo della lista Cambia con Noi, che appoggia la maggioranza e di cui fanno parte, tra gli altri, anche Assunta De Rosa, assessore con delega a SUAP, Area PIP e Cimitero, e i consiglieri comunali Raffaele Caliendo e Sebastiano Molaro. Queste le parole del segretario Jimmy Esposito che prende posizione sul Piano, sulla scia di quanto fatto il giorno prima dal PD: “[…] Un P.U.C. atteso ormai da tempo e adottato all’ultimo minuto, anche dal nostro gruppo per il solo senso di responsabilità verso la città, ma non in linea con gli indirizzi politici condivisi dalle forze di maggioranza. La lista civica CAMBIA CON NOI non può accettarlo ed è pronta ad un approfondito confronto politico con tutte le forze di maggioranza nell’area di centrosinistra sulla condotta irresponsabile della pianificazione urbanistica della città”.

Molto piccata la reazione di Filomena Iovine, consigliere di opposizione che in mattinata ha affidato a Facebook il suo sfogo: “Nessun comunicato stampa stamattina? Sono finiti gli articoli sui giornali pilotati? Nessun altro si é accorto di aver votato broccoli per carciofi? Eppure le concessioni edilizie ai partner fioccano e addirittura avete deliberato di non rispettare il giusto protocollo”.

A questo punto, ricordando e sottolineando che il sindaco Antonio Carpino ha assunto anche l’interim dell’Urbanistica dopo le dimissioni dell’ex assessore Pino Napolitano, si attende proprio la replica del primo cittadino.