Licenziamenti, le commesse strappano il telone dell’Ipercoop: «Questa è casa nostra»

0
4653
La scritta polemica messa dalle dipendenti Ipercoop sui pezzi strappati del telone di copertura della saracinesca del supermercato di Afragola
La scritta polemica messa dalle dipendenti Ipercoop sui pezzi strappati del telone di copertura della saracinesca del supermercato di Afragola

Supermercati, partito il conto alla rovescia: domani inizierà il confronto sui licenziamenti tra la GDM e i sindacati di categoria del commercio 

                                                         La Protesta
Stamattina è scattata la rabbia delle commesse. Hanno strappato il grande telone, lungo decine di metri, che copre la saracinesca del supermercato di Afragola, nel centro commerciale Ipercoop Le Porte di Napoli.  Poi, sui pezzi strappati del telone rimasti appesi alla saracinesca, hanno scritto con della vernice rossa una serie di frasi. “A Coop c’ha mannat sott e ngopp”, l’accusa in napoletano alla cooperativa emiliana Alleanza 3.0, accusata di non voler risolvere positivamente la vertenza dei 150 licenziamenti. “Questa è Casa Nostra”, l’altra scritta apposta dalle commesse sulla saracinesca. Per domattina è previsto l’esame congiunto tra la GDM di Casalnuovo e i sindacati sull’avvio della procedura di licenziamento per 150 persone dei supermercati di Afragola e Nola.
                                                  Lotta Contro il Tempo
Da domani partirà quindi il conto alla rovescia previsto per legge prima dell’invio delle lettere di licenziamento. In caso di mancato accordo ci saranno trenta giorni di tempo per espletare il confronto alla Regione. Le commesse del supermercato di Afragola sono 125 e sono tutte dipendenti dalla piccola azienda locale GDM. Sono in cassa a zero ore da più di un anno con un salario di circa 500 euro al mese. Nella stessa condizione si trovano altri 25 colleghi, sempre alle dipendenze di GDM, del supermercato ex Auchan di Nola, chiuso da un anno e mezzo, nel centro commerciale Vulcano Buono.