Il professor Spalletti ci insegna l’importanza dei cambi: la risolvono Lozano e Zielinski

0
228

In una delle prestazioni meno esaltanti dal punto di vista del gioco di questa stagione, il Napoli si aggiudica 3 punti pesanti battendo al Maradona la bestia nera Empoli per 2-0. Risultano decisivi l’episodio del rigore, guadagnato da un sempre incisivo Osimhen, e gli ingressi alla metà del secondo tempo di Lozano e Zielinski, autori dei due gol.

In particolare si è distinto il messicano che, oltre al rigore segnato, ha dato nuova linfa sulla corsia di destra rispetto ad uno spento Politano e si è procurato il rosso che ha permesso agli uomini di Spalletti di gestire in assoluta tranquillità il finale di partita. Dunque ancora una volta, in una stagione particolare come questa, si è rivelato fondamentale avere a disposizione una panchina lunga e di qualità ed essere in grado di capire quale uomo scegliere a seconda delle caratteristiche dell’avversario: Spalletti mostra di essere uno dei migliori in questo, come dimostrato ad esempio dall’alternanza tra Mario Rui ed Olivera o dalla scelta di chi deve sostituire Osimhen a partita in corso (vedasi la partita di sabato a Bergamo).

Tra i titolari va sottolineata l’ottima prestazione della linea difensiva, che è riuscita a respingere i pochi attacchi pericolosi dell’Empoli in maniera piuttosto efficace, facendo passare una serata relativamente tranquilla a Meret, chiamato in causa solo nel finale e fattosi trovare pronto. Il Napoli ottiene quindi la 10ª vittoria consecutiva in campionato e conserva un ottimo vantaggio sulle inseguitrici: resta solo la partita contro l’Udinese e poi sarà (purtroppo) Mondiale.