Giovane docente uccisa da camion, Somma e Sant’Anastasia sotto choc per Margherita

0
12505

SOMMA VESUVIANA / SANT’ANASTASIA. E’ un risveglio cupo quello di Somma Vesuviana e Sant’Anastasia, che si trovano insieme a piangere Margherita Giordano, la 34enne travolta e uccisa da un camion betoniera a Bolzano, tra Corso Italia e Corso Libertà.

Si era trasferita dal Vesuviano al Trentino per lavorare e insegnava alla scuola Alfieri di Bolzano. Al momento dell’impatto col camion, la povera Margherita era in bici: i medici hanno tentato di rianimarla per oltre mezz’ora, purtroppo invano.

Così l’ha ricordata il sindaco di Sant’Anastasia Carmine Esposito: “Stamattina mi ha colto una notizia tragica, allucinante. Margherita, insegnante a Bolzano,è stata investita mortalmente da un camion in una strada centrale della Città. Margherita, figlia di Salvatore,il fotografo di Via Umberto, amato ed apprezzato da tutti. Ho nel cuore un dolore profondo . Una tragedia che non trova ragioni.”

La scuola di pattinaggio di Somma, Somma Skating è sotto choc: “Ci sconvolge la notizia della disgrazia che ha colpito la nostra concittadina Prof.ssa Margherita Giordano, coinvolta in un sinistro stradale a Bolzano, dove da tempo lavorava. A chi l’ha conosciuta mancherà la sua bontà d’animo e generosità e la disponibilità verso gli altri. Già Pattinatrice della Somma Skating school, Margherita lascerà un vuoto incolmabile nei suoi familiari, negli amici e negli alunni che hanno avuto la fortuna e la gioia di averla come propria insegnante. Ci stringiamo ai suoi familiari, ricordando che senza di lei vivremo in un mondo meno bello.Grazie Margherita per quello che ci hai donato.”

Il cordoglio del sindaco di Somma

Questo il messaggio del sindaco Salvatore Di Somma: “Sentite condoglianze alla famiglia Giordano per la perdita della giovane figlia Margherita, insegnante a Bolzano e originaria di Somma Vesuviana.Davvero impensabile, trovare la morte nel luogo scelto per realizzare i propri sogni! Che il Signore l’abbia in gloria e dia la forza ai genitori, e quanti l’amavano per superare questo tragico momento.”