Da Somma a Casa Sanremo: Ciro Castaldo presenterà “Martini Cocktail” nei giorni del Festival

0
1956

Chi lo conosce sa che Ciro Castaldo, classe 1975, è uno degli uomini più tenaci e culturalmente vivificanti del territorio.

Il professore di matematica e fisica, che iniziò negli anni ‘90 ad occuparsi di Mia Martini e del cantautorato italiano, non ha smesso ancora di sorprenderci.

Ciro infatti sarà presente come giornalista e autore alla 74esima edizione del Festival di Sanremo rappresentando, di fatto, l’intero territorio all’appuntamento per eccellenza della televisione italiana.

Un riconoscimento legittimo, frutto di tanti anni anni di lavoro e dedizione per promuovere ed educare i giovani e i meno giovani alla bellezza musicale e all’arte nelle sue varie declinazioni.

Il nostro matematico infatti avrà la possibilità di presentare a Casa Sanremo Writers “Martini Cocktail”; un’opera – già utilissima al regista Giorgio Verdelli, per il suo docufilm Rai “Fammi sentire bella” – che lo ha consacrato tra i massimi biografi e critici viventi di Mimì.

D’altronde Ciro ha iniziato molto presto, infatti è stato uno storico collaboratore dello Chez Mimì Mia Martini club, l’unico fans club riconosciuto dall’artista nel 1990, fondato e diretto dal compianto messinese Pippo Augliera. A partire dai primi anni ‘90 il nostro professore ha raccolto materiali, interviste, aneddoti e curiosità sulla grande Mia Martini.
Al centro di questa lunga linea del tempo non ci sono solo una conoscenza raffinata e un amore smisurato per Mia Martini ma anche il desiderio di riporre l’attenzione sul suo straordinario contributo al panorama musicale italiano e mondiale, diffidando e combattendo le cattiverie che la grande interprete ha dovuto subire durante la sua carriera artistica e approfondendo anche tematiche personali che hanno segnato la vita dell’artista. Da fine biografo ha posto l’attenzione su tutte le fasi musicali del repertorio martiniano: dallo studio della musica classica alle prime esecuzioni jazz, dall’approccio al folk e al rock progressive alle consacrazioni ai Festivalbar.
Ciro ha fondato l’associazione no profit Universo di Mimì di cui è presidente, ha richiesto e ottenuto che un luogo pubblico di Somma Vesuviana portasse il nome di Piazza Mia Martini, ha ideato e realizzato, come direttore artistico, il Mia Martini Festival che si tiene ogni anno al Teatro Summarte di Somma Vesuviana.

Il professore non ha nascosto il suo entusiasmo sui social e ci ha raccontato come l’accredito in sala stampa sia un vecchio desiderio che si è realizzato negli anni.

Essere poi a Casa Sanremo come autore è sicuramente un risultato importante. Vale la pena ricordare infatti che Ciro Castaldo è autore di quattro libri dedicati alla critica e alla recensione musicale.
La scelta, tra questi, di partire da Martini Cocktail, piuttosto che dagli altri, si fonda su una questione affettiva e encomiastica.
Infatti, uno dei Premi più importanti del festival, quello della Critica (più volte riconosciuto come il vero premio della gara canora), porta il nome di Mia Martini; proprio a sottolineare la straordinaria dimensione artistica che la cantante calabrese ci ha lasciato in eredità.
È quindi questa la volontà dell’autore, far conoscere Mimì alle nuove generazioni, trasmettere il suo amore, sottolineare – come nel suo libro – il modo in cui i “grandi” della musica l’hanno amata e apprezzata per il suo essere, oltre che interprete, musicista autentica.