Circum in tilt all’esordio dei nuovi orari, cancellazioni e proteste

0
428

Disastrosa partenza per l’orario invernale introdotto da oggi dall’Ente Autonomo Volturno sulle linee della Circumvesuviana.

Da questa mattina infatti le corse del servizio che collega Napoli e diversi comuni della provincia stanno subendo ritardi e soppressioni che stanno mandando in fumo i programmi di pendolari e studenti. Basta scorrere l’elenco dei soli ritardi annunciati da Eav (20 minuti per il treno delle 7:02 da Napoli per Poggiomarino, 20 minuti per quello delle 7:09 da Napoli per Torre Annunziata, 15 per le corse delle 7:38 da Napoli per Poggiomarino e delle 7:48 da Napoli per San Giorgio via Centro Direzionale, 30 minuti per il treno delle 8:14 da Napoli per Poggiomarino) per comprendere la portata dell’ennesima giornata fallimentare per le linee vesuviane gestite da Eav.

A questi ritardi si aggiunge che, come ha fatto sapere l’azienda di trasporti, “causa ritardo del treno delle 8:14 da Napoli per Poggiomarino, il treno delle ore 8:50 da Napoli per Poggiomarino e il treno delle ore 10:42 da Poggiomarino per Napoli oggi sono soppressi”.

Come se non bastasse, molti utenti che dalle città del Miglio d’oro sono costretti a scendere a Torre Annunziata per recarsi tra penisola sorrentina, Castellammare di Stabia e Pompei Villa dei Misteri, hanno visto saltare anche le coincidenze: “Ho atteso a Torre del Greco il treno per Poggiomarino che ha accusato 30 minuti di ritardo e quando è arrivato è stato fatto ‘parcheggiare’ sul terzo binario, per fare transitare il treno diretto a Sorrento. Quello cioè che avrei dovuto prendere per andare al lavoro a Castellammare. Risultato? Mi sono visto transitare sotto il naso il convoglio che mi avrebbe portato in ufficio e sono costretto mio malgrado a Torre Annunziata ad attendere il convoglio successivo, che se tutto va bene mi porterà a destinazione con oltre 35 minuti di ritardo rispetto a quanto preventivato”.