Castello di Cisterna, municipio sottosopra: chiuso in mattinata . Indagano i carabinieri

0
28

Mistero sull’episodio avvenuto nella notte. I militari hanno ascoltato una serie di persone in caserma

Brutta sorpresa questa mattina a Castello di Cisterna, centro di circa 8mila abitanti ubicato accanto a Pomigliano, nella zona nordorientale dell’hinterland, lungo il percorso della nazionale delle Puglie. Nella notte ignoti sono penetrati nel Comune, che si trova praticamente al centro del paese, sul nastro della vecchia nazionale che qui prende il nome di via Roma. Gli sconosciuti, si pensa più di uno, hanno rovistato negli armadi e nei cassetti di alcune stanze, che sono state messe sottosopra. L’indomani mattina, stamane, i dipendenti comunali hanno quindi avuto la brutta sorpresa di ritrovarsi davanti agli uffici violati. Sono stati subito chiamati i carabinieri della locale caserma. I militari hanno fatto gli accertamenti di rito. Le attività del municipio sono state sospese per alcune ore. Secondo indiscrezioni non sarebbe stato rubato niente. Si ipotizza che qualcuno evidentemente volesse cercare qualcosa. Sempre in base alle stesse indiscrezioni ci s’interroga sul fatto che il sistema d’allarme del municipio non abbia funzionato durante il raid. L’episodio capita poco dopo le elezioni amministrative per il rinnovo della carica di sindaco che hanno portato alla conferma del primo cittadino uscente, Aniello Rega. L’esito delle elezioni anche da queste parti ha conosciuto momenti di tensione. Lunedi sera il papà di una candidata al consiglio comunale è stato ferito al capo nel corso di un’aggressione, una colluttazione consumata davanti all’ingresso della casa. L’uomo si è fatto medicare al pronto soccorso e ha sporto denuncia.