Carro di San Barbato Patrono di Cicciano in Onore di Maria SS degli Angeli, ieri la sfilata in paese

0
1663

Il Carro Artigiani oltre ad aver  sfilato domenica 10 aprile a Cicciano (Napoli),  nei prossimi mesi sfilerà a Castelvenere (Benevento), Casalattico (Frosinone), Valle dell’Angelo (Salerno) e Manocalzati (Avellino).

 

Descrizione del carro, L’ OPERA INTERAMENTE DIPINTA A MANO: sul fondale del carro è rappresentato il Castello di San Barbato Manocalzati AV, nel castello è stato realizzato un teatro medioevale con l’affresco di San Barbato a cura di Vincenzo De rosa.  Al centro l’albero di noce avvolto dalle vipere malefiche, importantissimo il gesto del taglio liberatorio che San Barbato fece per scacciare i riti pagani dell’epoca. Le sponde del carro sono avvolte da Angeli realizzati da Nello De Luca e da sei tele dipinte a mano realizzati dal Liceo Enrico Medi di Cicciano indirizzo-artistico e dal Liceo Artistico di Roma. Su queste tele è stato rappresentano San Barbato in tutti e cinque i paesi dove si venera e dove si festeggia come Santo Patrono, ovvero Cicciano Na, Castelevenere Bn, Valle dell’Angelo Sa, Casalattico Fr, Manocalzati Av, la sesta tela raffigura Maria SS degli Angeli. La nuova statua di San Barbato realizzata dal maestro Michele Santonastso domina il carro in proscenio, la statua lo raffigura con una postura da combattente e spinto da una forza assoluta, da l’idea del movimento del Santo e rappresenta l’ atto di rompere il noce uccidendo tutte le vipere ( il male e le maleligue ). Realizzata in vetro resina, lo sguardo di San Barbato è un misto di dolcezza, comprensione, tenerezza ed empatia con le anime dei Cristiani.  Inoltre sul carro è rappresentata la vipera a doppia testa (anfisbena) che San Barbato si fece consegnare dalla moglie del Duca Romuolado, Teodora, fondendo questa vipera San Barbato creò un calice per l’eucarestia. Mentre pregava ardentemente Maria Santissima, gli apparve la Madonna della libera anch’essa rappresentata su carro e realizzata dal maestro Santonastaso (riprodotta fedelmente la statua della Madonna della Libera di Cercemaggiore CB. Questo carro meraviglioso è avvolto da candide nuvole e angeli, poi il serpente, elemento biblico del male in agguato verso i Cristiani. Questo messaggio rappresenta l’ opera di conversione al cattolicesimo che San Barbato ha realizzato per le terre di Benevento e per tutto il sud. Il Carro Artigiani oltre a sfilare domenica 10 aprile a Cicciano (Napoli),  nei prossimi mesi sfilerà a Castelvenere (Benevento), Casalattico (Frosinone), Valle dell’Angelo (Salerno) e Manocalzati (Avellino).

 

 

 

Descrizione storia San Barbato e notizie su chi ha realizzato

Quest’anno in Onore di Maria SS degli Angeli e in occasione del Giubileo straordinario della misericordia il Comitato carro Artigiani rende omaggio al Santo Patrono di Cicciano San Barbato: Castelvenere, 602 Benevento, 19 febbraio 683 d.C..  Da ricordare…

La superstizione longobarda: San Barbato è stato vescovo di Benevento e grandeggia sempre più, specialmente per avere distrutto la superstizione longobarda, ed aver difeso il popolo contro la tirannia dei prìncipi e dei potenti. Fu detto l’apostolo di Benevento per la magnifica opera episcopale spiegata dal 20 marzo 663 al 19 febbraio 683. Otre alla brillante attività di vescovo, il nostro Patrono estirpò dalla sua città il culto degli alberi votivi o sacri, che, presso i longobardi era tanto in voga. I longobardi infatti, quando invasero l’Italia, appartenevano, come altri popoli della Germania all’eresia ariana e forse portarono con loro il così detto culto degli alberi. In quel periodo adoravano anche la vipera e il simulacro di essa in pubblico o tra le pareti domestiche. Secondo la leggenda San Barbato non solo recise con una scure l’albero sacro del noce, ove convenivano i longobardi a celebrare i loro riti pagani, ma infranse perfino la vipera d’oro anfisbena a doppia testa, adorata da Romuoaldo, convertendone il prezioso metallo in un calice ed una patena per il divino sacrificio. San Barbato lottò contro tale superstizione e riuscì vittorioso, tanto che i longobardi e tutto il meridione si convertirono al cattolicesimo.

La Madonna della Libera appare a San Barbato: Durante il dominio longobardo su Benevento e precisamente nel 663 d.C., anno in cui i beneventani, incoraggiati da S. Barbato, già parroco di Morcone e poi Vescovo di Benevento, resistettero vittoriosamente all’assedio posto dall’imperatore bizantino Costante II, nipote di Eraclio e ci fu la “liberazione”, venne attribuita alla Vergine che ebbe così, da allora in poi, il titolo di “Liberatrice” o “della Libera”. Il Bollettino della Diocesi di Benevento racconta così la liberazione dall’assedio per intercessione di Maria Santissima: San Barbato, durante l’assedio alla città, incoraggiò i cittadini e il Duca Longobardo Romualdo a fidare in Dio, mostrando loro Maria SS. visibilmente apparsagli su una candida nube, e pronunciando queste memorabili parole: “io l’ho pregata; Essa già viene in vostro aiuto; guardatela!”. Quel giorno stesso l’implacabile nemico Costante toglieva pacificamente l’assedio a Benevento. A tale prodigio il Duca acclamò Barbato Vescovo di Benevento, e gli offrì ricchi donativi, ai quali il santo rinunziò. I Beneventani incominciarono a professare un grandissimo culto della Madonna della Libera che si propagò rapidamente in tutta l’area longobarda del Mezzogiorno, giungendo fino a Cercemaggiore (CB), dove nel 1414 fu ritrovata la statua in legno (stile bizantino).

Nel 1715 San Barbato viene eletto Protettore di Cicciano: La protezione affidata a San Barbato è documentata da un episodio datato 19 febbraio 1715 e vede protagonista l’allora parroco don Giovanni De Nardo che “per sua speciale divozione abbia eretta e fondata una Chiesa ed ultimandola procurata bellissima statua in onore e gloria d’Iddio e del glorioso San Barbato, chiamandolo in protettore della famiglia De Nardo, Capolongo e Santoriello, unitamente agli Eletti del popolo Giuseppe Passariello, ai quali si sono uniti altri cittadini, redigono un atto formale con il quale intendono eleggere il Santo Barbato per Nostro Protettore, affinché continuandosi dal Santo la sua efficace intercessione, come fin’ ora ce ne ha fatto sperimentare evidenti segni, ed essendo da tutti acclamato per protettore ci mantenghi libera questa Terra da qualsivoglia pericolo imminente, e da castighi che possa mai la Divina Giustizia sdegnata dei nostri peccati fulminare contro di noi (…)”.

 

Il 10 aprile del 2016 sul carro Artigiani c’è stata la rappresentazione artistica della storia di San Barbato, l’opera interamente dipinta a mano è stata realizzata nella nostra terra dai giovani Artigiani, dagli alunni del Liceo Statale Enrico Medi indirizzo-artistico, da Nello De Luca, dal maestro Vincenzo De Rosa e con la partecipazione straordinaria del Maestro Michele Santonastaso, progetto a cura di Barbato De Stefano. La popolazione di Cicciano è invitata a partecipare e ad iscriversi al nuovo Comitato San Barbato. W il Patrono di Cicciano.