CONDIVIDI

Anno nuovo, vita nuova? E’ l’interrogativo che si pongono i tifosi azzurri dopo la vittoria schiacciante in casa del Cagliari. Perché il Napoli ha mostrato segnali positivi, atteggiamento ed efficacia che non hanno nulla a che vedere con le ultime due uscite dell’anno appena trascorso.

Non è un Napoli da 10, ma la squadra di Gattuso è molto più convinta. Dalle immagini televisive sembra che Gattuso stia meglio, e sembra che lo stesso si possa dire degli azzurri. Gli avversari si schiacciano molto, e il Napoli arriva facilmente sulla trequarti avversaria, cercando di giocarla al limite dell’area e provarci da lì. E dal limite arriva il bel gol di Zielinski. Non mancano delle assurde e pericolose incertezze, ma il Napoli porta negli spogliatoi un vantaggio che sta stretto. La situazione si colora di grigio quando il Napoli sembra riacquisire quella sua attitudine pessima, è Joao Pedro che va in rete. Neanche il tempo di andare su Twitter per commentare la cosa e arriva la doppietta di Zielinski, che tocco, che gol fulmineo. Da questo gol in avanti è una partita in discesa, Lykogiannis viene espulso, e il Napoli mette il terzo dentro con Lozano (gran lavoro di protezione della palla di Petagna) e infine fa il poker con il rigore di Insigne.

Anno nuovo, vita nuova? Ce lo chiediamo. La buona prestazione fa sperare, ma il calcio può dare sensazioni che valgono solo per quella particolare partita, dalla prossima potrà cambiare tutto e da quella successiva potrebbe farlo ancora. Ricordiamoci che il Napoli non ha mai lesinato su questi atteggiamenti schizofrenici. Ma l’anno è appena iniziato, e noi speriamo che non solo ci si liberi da questa pandemia, ma anche che il Napoli possa liberarsi delle sue croniche incertezze, per riprendere quel ritmo vincente che merita.