Cade giù dal tetto del capannone, operaio muore a 44 anni

0
576

ARZANO – Un uomo di 44 anni, Giuseppe Lisbino, residente a Frattaminore, è deceduto nel pomeriggio di ieri in un incidente sul lavoro avvenuto ad Arzano. L’operaio di una ditta impegnata in lavori di installazione di pannelli fotovoltaici, per cause in corso di accertamento, è precipitato dal tetto del capannone da un’altezza di circa 10 metri.

Sul posto anche il 118 che ha constatato il decesso dell’uomo. Indagini in corso da parte dei carabinieri di Arzano coadiuvati dal personale dell’Asl.

Le reazioni –  “Il ministro Salvini oggi alla Camera legge la strage di Brandizzo nell’ottica dell’errore umano, a suo dire, inevitabile. Chiude gli occhi sulla realtà che emerge con drammaticità: gli appalti e i subappalti campano sulla compressione di salari, diritti e sicurezza dei lavoratori. Si rifiuta di capire che la piena liberalizzazione della catena dei subappalti, voluta dal governo, aumenterà esponenzialmente gli incidenti sul lavoro”. A dichiararlo in una nota è la deputata e responsabile Lavoro del Partito Democratico, Maria Cecilia Guerra. Salvini, aggiunge, “ignora che l’errore umano può e deve essere evitato, se si investe nelle tecnologie adeguate, a partire da quei fondi che il Pnrr destinava proprio alle tratte secondarie delle nostre ferrovie e che questo governo ha tagliato. Se si evita di sottoporre i lavoratori a turni di lavoro massacranti, come chiedono i lavoratori che lui ha precettato. Anche oggi due nuove tragiche morti sul lavoro. A Bologna e ad Arzano”. “Non è fatalità. Non possiamo e non vogliamo rassegnarci”, conclude. (ANSA).