fbpx
lunedì, Maggio 23, 2022

Avvistati speciali: uccelli delle tempeste nel Golfo

Un gruppo di rari Uccelli delle tempeste è stato avvistato nel Golfo di Napoli, un’osservazione eccezionale

Ricercato speciale, anzi no. Avvistato speciale, questa volta nel Golfo di Napoli. A circa quattro miglia al largo della costa di Posillipo (NA), il 23 aprile è stato avvistato un piccolo gruppetto di Uccelli delle tempeste (Hydrobates pelagicus). Un avvistamento molto raro, di grande rilevanza naturalistica.

Ad immortalare l’evento il foto-reporter Giuseppe Farace. Durante un’escursione in barca ha avvistato il gruppo in volo radente sull’acqua, in totale circa venti individui, «una concentrazione che non ho mai visto prima nel Golfo» ha commentato Farace. Infatti gli avvistamenti di questa specie in mare non sono frequenti, e l’osservazione risulta ancor più eccezionale essendo una specie particolarmente protetta, tutelata dalla Direttiva europea 79/409/CEE.

«Gli uccelli erano sempre abbastanza distanti dalla barca, non meno di 20-30 metri, e volavano velocemente allontanandosi subito. Nell’arco delle varie ore trascorse in mare, ho osservato decine di esemplari, da soli o in piccoli gruppi di due o tre» ha aggiunto Farace. Nel Mediterraneo è presente la sottospecie endemica Hydrobates pelagicus melitensi, completamente nerastra e con un’ampia macchia bianca all’attaccatura della coda e sulle ali.

Le osservazioni sono rese difficili dalle sue piccole dimensioni e dalle abitudini pelagiche. È infatti il più piccolo tra gli uccelli marini europei, e trascorre tutta la vita in mare aperto. Raggiunge la terraferma solo per costruire il nido e allevare un unico piccolo l’anno. Perciò è molto raro incontrarlo in mare aperto, mentre caccia con mirabile eleganza piccoli organismi marini, plancton e pesce.

Tra gli altri avvistati speciali giovedì nel Golfo, spiccano le Berte minori Puffinus puffinus, altra specie protetta, che vive «della luce e del calore del sole, del soffio del vento, delle onde spumeggianti del mare e della freschezza dell’aria», come scriveva Richard Bach.

Ultime notizie
Notizie correate