CONDIVIDI

Lo stabilimento aeronautico Avio Aero di Pomigliano ha fatto registrare il primo lavoratore del polo industriale di Pomigliano ufficialmente contagiato dal Coronavirus. Ieri subito dopo la comunicazione ufficiale del fatto è scattato il panico fuori e dentro la fabbrica. A ogni modo l’azienda produttrice di componenti per gli aerei militari e commerciali è corsa ai ripari nel tardo pomeriggio comunicando la chiusura temporanea dell’impianto. I 1100 addetti dello stabilimento da stamattina sono stati messi tutti in ferie forzate. Rientreranno al lavoro martedi 16 marzo. Ora però c’è grande paura. L’Avio Aero è una grande fabbrica in cui ogni giorno oltre ai suoi 1100 addetti lavorano anche altri 700 operatori dell’indotto. Ed è uno stabilimento stretto tra due colossi, la Leonardo, 3000 dipendenti, e  la Fiat, 4500 dipendenti, dove si produce la Panda. Fiat che ha chiuso anch’essa, fino a domenica, a causa di una protesta degli operai della catena di montaggio impauriti dalla possibilità concreta di contagiarsi a causa dello stretto contatto tra gli addetti della catena di montaggio. La Fiat di Pomigliano riaprirà lunedi. La Leonardo prosegue invece testardamente a produrre tenendo ben aperti i battenti. Ma sono proprio le grandi fabbriche a rappresentare in questa fase difficile del contagio il pericolo più grande. Sono i luoghi di super affollamento per eccellenza. Al confronto la movida dei baretti di Chiaia, a Napoli, o quella del centro storico di Pomigliano, ritrovo di tutta la provincia orientale di Napoli, rischiano di assomigliare a timide festicciole da oratorio.