Home Sociale neAnastasis SANT”ANASTASIA. PUC. PARTE QUINTA

SANT”ANASTASIA. PUC. PARTE QUINTA

32
0
CONDIVIDI

Oggetto dell”attenzione Istruzione, Sport, Cultura e Welfare.

ORGANIZZAZIONE URBANISTICA DEL TERRITORIO
(Continua da articolo 4)

Istruzione
Il numero d”alunni delle scuole materne, elementari e medie s”aggira intorno al valore di 4000 unità circa, mentre per la media superiore il valore potenziale è di 2100.
A disposizione di questa platea scolastica, ci sono vari plessi che non soddisfano del tutto le necessità.
Le carenze maggiori si riscontrano nel quartiere Canesca-Ponte di Ferro-Starza, dove attualmente è in costruzione un edificio di 16 aule per scuola elementare su Via S. Chiara, in sostituzione di quello attuale che deve essere sgombrato perchè sottostante alla nuova linea ferroviaria. Considerando che la platea scolastica del quartiere si può stimare in 700 alunni tra materne, elementari e medie, quest”edificio soddisferà poco più della metà del fabbisogno necessario di 30 aule.

Per le deficienze d”aule nel centro cittadino occorrerà, invece, potenziare i plessi di Corso Umberto e Via S. Michele Arcangelo (ex Strettola), ampliandoli su Via Porzio, anche per dotarli d”idonee aree per parcheggio auto ed impianti sportivi. Analogo discorso vale per il plesso di Via Regina Margherita che pure ha bisogno d”aree per parcheggio ed impianti sportivi, da reperire nelle adiacenze.
Per l”istruzione superiore, che è di competenza provinciale, occorrerebbe prevedere un nuovo plesso scolastico per accogliere le scuole ubicate nei locali privati di Piazza S.Antonio e Via Primicerio.

Sport
Attualmente esiste un campo sportivo comunale, il campo per il calcio ubicato su Via Romani, e la previsione di costruzione, nel programma delle opere pubbliche, di un palazzetto dello sport. Per il resto nient”altro, a parte un piccolo campo di basket nel complesso scolastico di Corso Umberto.
A parer nostro, tutti i plessi scolastici, a parte la scuola materna, dovrebbero essere dotati d”idonei campi polivalenti per la pratica delle discipline sportive e a disposizione dei ragazzi anche e soprattutto al di fuori dell”orario scolastico.

È la soluzione più semplice ed economica per il Comune realizzare i campi sportivi nell”ambito delle scuole ed affidarne ad esse la gestione.
Il potenziamento dei plessi scolastici, che abbiamo prima esposto, è per l”appunto orientato a soddisfare anche quest”esigenza.

Cultura e welfare
Per le attività culturali e sociali sono stati realizzati alcuni anni or sono un centro polifunzionale su Via Arco, per attività culturali, ed un centro per l”assistenza sociale su Via S. Giuseppe, utilizzando immobili destinati un tempo a scuola. Altri due piccoli centri per la socialità degli anziani esistono su Piazza Cattaneo e su Via Rosanea.
Sono state iniziative senz”altro lodevolissime e di gran successo, in particolare le prime due.

Per l”autonomia funzionale dei quartieri riteniamo necessario realizzare un centro polifunzionale per attività culturali nel quartiere Starza-Ponte di Ferro ed un altro nella 167 di Via Romani.
Così pure sarebbe utile trasformare l”area mercatale esistente su Piazza del Lavoro (ex area 219) in centro polifunzionale per più eventi oltre al mercato, come spettacoli, fiere, manifestazioni varie, coprendola con tensostrutture a tenda ed attrezzando un”idonea superficie per parcheggio autoveicoli.
(Continua al prossimo articolo)

APPROFONDIMENTI

L”ARTICOLO PRECEDENTE