fbpx
giovedì, Dicembre 2, 2021

“A Sant’Anastasia il clima politico è inquietante”

Il circolo di Rifondazione Comunista contesta i metodi polizieschi avallati dal sindaco Esposito durante l’ultimo consiglio comunale.

Veramente siamo alla frutta, l’amministrazione del Sindaco Carmine Esposito rantola e si attacca alla bombola d’ossigeno alimenta dai soliti – e ben noti – consiglieri della stantia politica anastasiana. Mercoledì sera in piazza Siani era di scena l’approvazione del bilancio di previsione 2012. La polizia schierata, soliti visi tesi, aspettano l’assalto degli indiani. Nel contempo gli sparuti spettatori – udite, udite – vengono identificati.

E’ una scena surreale, da dittatura sud americana, un’azione intimidatoria scientemente attuata nei confronti di chi avrebbe potuto contestare il ras del paese. La democrazia a Sant’Anastasia è sepolta. Sandro Pertini si rivolterà nella tomba sapendo che un ex socialista (?) – il Sindaco Carmine Esposito – senza partito e bandiera a capo di una amministrazione a progetto, novelli co . co. co., usa metodi fascisti per sottrarsi al confronto democratico con il popolo. Questo non è tutto. Si dà l’avvio alla battaglia. Il Sindaco sfoggia il solito linguaggio fiorito, redarguisce il Capo Gruppo del PD Giovanni Barone con frasi indegne del luogo ove sono state pronunciate. Si cala nei panni del “mammasantissima” girando l’ennesima scena di un suo personale remake di qualche squallida pellicola da “guapparia”.

Tutto questo è inaccettabile e vergognoso, e noi, del Circolo di Rifondazione Comunista, esprimiamo piena e convinta solidarietà, umana e politica, al Consigliere Giovanni Barone. Le istituzioni non possono essere scambiate per una cantina di paese dove si incontrano degli amici che hanno alzato il gomito. Queste meritano rispetto, decoro e linguaggio adeguato da parte di tutti. Se non si rispettano le regole della democrazia anche l’approvazione del bilancio di previsione 2012 diventa una pratica secondaria. Approvato in agosto – cattivo vezzo praticato da molti lustri – e non nei primissimi mesi dell’anno, vengono depotenziati, nei fatti, i suoi già blandi effetti positivi. Ne ha pregio logico la considerazione che le rimesse Statali avvengono in giugno.

Difatti, una volta stanziate, si potrebbe – con variazioni di bilancio – aumentare la consistenza dei capitoli sottostimati. Inoltre l’amministrazione del Sindaco Carmine Esposito si è caratterizzata per lo spreco di denaro del contribuente in manifestazioni costosissime e senza alcuna ricaduta, a medio e lungo termine, sull’economia anastasiana. Riproducendo solo logiche consolidate da molti decenni. Il Sindaco Carmine Esposito era stato eletto per contrastare, a suo dire, la cattiva gestione della cosa pubblica e non per attuarne un’altra del tutto equivalente. Unito il tutto ad un bilancio di previsione che è il libro dei sogni, questa comunità vivrà un altro anno di “inverno amministrativo” che dura già da cinque anni.

Sindaco Carmine Esposito sei al capolinea, è ora di uscire da Fort Apache, non ci sono gli indiani ad aspettarti ma la democrazia, respirala a pieni polmoni ti sentirai molto meglio: DIMETTITI!

Ultime notizie
Notizie correate