Home Cronaca Attualità Somma Vesuviana, Le Vie del Gusto al ristorante La Ginestra di Santa...

Somma Vesuviana, Le Vie del Gusto al ristorante La Ginestra di Santa Maria a Castello

348
0
CONDIVIDI

Mercoledì, 11 luglio, finale di stagione de Le Vie del Gusto al Ristorante “La Ginestra” di Santa Maria a Castello.

 

La ginestra, fiore dal color dell’oro, simboleggia in molte culture mediterranee la modestia e l’umiltà perché riesce a crescere e prosperare in terreni dall’habitat estremo. Il Somma Vesuvio – colonizzato dalla pianta cantata dal Leopardi –  ne è un esempio: il gran Cono è ormai cosparso di fiori gialli, tanto da tramutare alla vista il paesaggio montano in un’opera pop che a Andy Wharol sarebbe piaciuta tantissimo. Nel linguaggio dei fiori la ginestra vuol dire anche luminosità e splendore e, nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio, c’è un luogo magico che porta il suo nome. A Santa Maria a Castello, in territorio di Somma Vesuviana, dirimpetto alla stradina che conduce agli splendidi scenari naturali delle Gavete, sorge  il ristorante a conduzione familiare “La Ginestra”. La location, ubicata  nei pressi della chiesa della Madonna di Castello, durante le serate estive regala un’impagabile frescura ed  è meta di buongustai soprattutto per la cucina e per l’accoglienza. E mercoledì 11 luglio è appunto il ristorante La Ginestra che accoglierà «Le vie del Gusto» il progetto che, dalle pagine di Il Mediano e con il coinvolgimento di Carmine Cimmino, esperto e cultore della vesuvianità e non solo, racconta la tradizione vesuviana a tavola, constatandone ogni volta il fascino e il vigore.

Per Le Vie del Gusto quella alla Ginestra di via Santa Maria delle Grazie a Castello è l’ultima tappa del semestre 2018, una location scelta per chiudere in bellezza in un ristorante dove si colgono la semplicità, il gusto, per non dire della straordinaria passione dei proprietari che si evince dalla maniera di presentare i piatti, dall’uso di prodotti genuini, di quelli doc della propria azienda agricola – dai pomodorini del piennolo alle verdure dell’orto – dove il profumo delle ginestre dal color dell’oro si mescola alle fragranze delle specialità locali. Tra le mani sapienti dello chef, gli alimenti  semplici e popolari divengono opere d’arte.

Ed ecco, dunque, che il menu «Gavete» di mercoledì 11 luglio predispone alla poesia di chi potrebbe cantarne in versi l’offerta gastronomica: si inizierà con l’insalata di stocco alla contadina con bocconcini di baccalà e friarielli, un antipasto che si oserebbe definire perfetto «matrimonio» e che preparerà il palato degli ospiti alle altre stuzzicanti specialità, dalla parmigiana napoletana al tradizionale cuoppo di frittelle ed alici seguito dalla pizza «Ginestra» nella quale colori e sapori si fondono alla perfezione. La portata principale, un primo piatto che a Somma Vesuviana è molto più che tradizione e sapienza tramandata, è presto svelata: paccheri con lo stocco. Una tagliata di frutta fresca dell’azienda “Sapori e profumi del Parco” di   Alfonso Sorrentino e infine la delizia al limone «firmata» dal Caffè Masulli. A tavola, perfettamente in armonia con i piatti proposti, il delizioso nettare vesuviano Gavete prodotto dall’Azienda Nocerino, Tenuta Villa Augustea.

Ci sarà, a completare la serata di mercoledì 11 luglio, la paranza delle Gavete, ma anche la splendida e seducente voce della cantante e poetessa Angela Ruggiero.

Una serata evento, dunque, per Le Vie del Gusto. Che renderà omaggio e giusta visibilità a La Ginestra nei cui proprietari è ben radicato e vivo proprio lo spirito della pianta della quale il locale porta il nome: la capacità di crescere e prosperare, rigogliosamente, nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio.