Home Politica Ottaviano, si dimette l’assessore Sciesa e il sindaco commenta sui social:”Ha fatto...

Ottaviano, si dimette l’assessore Sciesa e il sindaco commenta sui social:”Ha fatto poco, direi niente”

475
0
CONDIVIDI
Amatore Sciesa

L’avvocato Capasso mette da parte l’aplomb istituzionale per commentare le dimissioni dell’assessore da lui nominato a febbraio dello scorso anno e sceglie il suo profilo facebook, per spiegare le accuse relative ad una presunta aggressione – che Sciesa cita nella sua lettera di dimissioni – oltre che per fare un singolare mea culpa. Non sulle accuse di arroganza o di scarsa lungimiranza che il suo ex delegato gli rivolge nero su bianco, bensì sulla stessa nomina di Sciesa. “Ha fatto poco, quando ha fatto altri hanno dovuto riparare ai suoi danni”. Intanto altri esponenti di opposizione, come Felice Picariello, riprendono sui social la lettera dell’ex assessore. Due pagine in cui Sciesa ringrazia tutti, dai funzionari ai volontari.

Il sindaco Luca Capasso

Mancano due mesi al voto e a Ottaviano già volano gli stracci. L’assessore Amatore Sciesa, che per ventura porta lo stesso nome e cognome di un patriota italiano, ha rassegnato le dimissioni questa mattina con una dura lettera che tira in ballo il sindaco della città, l’avvocato Luca Capasso. Ed è a lui, il quale ha già annunciato la sua ricandidatura alla guida di Ottaviano, che Sciesa indirizza naturalmente le sue formali dimissioni, oltre che al consiglio comunale e al presidente dell’assise, Biagio Simonetti. Stando alla versione di Sciesa, il sindaco Capasso lo avrebbe aggredito durante una riunione politica, minacciando finanche di “mettergli le mani addosso” – così scrive nella sua lettera di dimissioni – alla richiesta di un chiarimento che sarebbe risultato “poco gradito” al primo cittadino che l’ormai ex assessore taccia di arroganza. La reazione del sindaco al forfait del suo delegato allo sport, turismo, spettacolo e politiche giovanili, è pubblica: Luca Capasso affida i commenti in merito al suo profilo facebook, rinnegando il lavoro di Sciesa. “Vorrei dedicargli poco tempo e pochissime parole, perché è giusto misurare e considerare un amministratore in base alle cose fatte. E, lo dico con rammarico, Sciesa ha fatto davvero poco. Quando non ha fatto poco, ha fatto nulla: per lo sport, per il turismo, per lo spettacolo. Ogni tanto, in verità, ha fatto qualche danno e altri hanno dovuto riparare ai suoi errori”. Tra le accuse che l’ex assessore rivolge al sindaco ci sono la “scarsa lungimiranza” e il venir meno del gioco di squadra, l’interpretazione della politica come il sottostare di nuove leve a scelte di consiglieri veterani espressione della vecchia politica. E il primo cittadino fa mea culpa pubblico: non sulle accuse rivoltegli, ma sulla stessa nomina dell’assessore Sciesa avvenuta a febbraio dello scorso anno. “Non avrebbe dovuto essere nominato e di questo mi assumo colpe e responsabilità, ma sono abituato a guardare avanti per il bene dell’amministrazione comunale e di Ottaviano”. Quanto alla presunta aggressione, accusa che a ben leggere tra le righe del commento del sindaco potrebbe essere sviscerata in sedi giudiziarie più che politiche – Capasso commenta: “Sciesa fa riferimento ad una presunta aggressione da parte mia, omette di dire però che gli ho telefonato subito dopo scusandomi per la foga eccessiva, si è trattato di una reazione dovuta ad eccesso di emotività, non certo di un’aggressione fisica”.