Home Generali L’Agguato, l’ospite di questa settimana: Alfonso Gifuni, presidente di «Mi Fido ancora...

L’Agguato, l’ospite di questa settimana: Alfonso Gifuni, presidente di «Mi Fido ancora di te»

210
0
CONDIVIDI

Per la terza settimana, la rubrica settimanale di Il Mediano.it, presenta l’ospite prima della consueta intervista in diretta streaming che inizierà alle 19 di domani, martedì 24 aprile. In studio, con Ciro Pavone nel ruolo di opinionista, ci sarà Alfonso Gifuni, già consigliere comunale a Sant’Anastasia e presidente nazionale di un’associazione di categoria, la Car, che riunisce autodemolitori di tutta Italia. Stavolta però Gifuni sarà ospite nella veste di presidente di una neonata associazione che già da settimane sta operando sul territorio di Sant’Anastasia, interfacciandosi con altre realtà simili tra Somma Vesuviana ed Ottaviano. L’associazione si chiama «Mi Fido ancora di te».

Costituita circa un mese fa e regolarmente registrata dopo alcuni mesi di «gestazione», l’associazione Mi Fido ancora di te nasce grazie alla passione di un gruppo di diciotto volontari impegnati pressoché quotidianamente nel soccorso dei cani randagi. Alla presidenza c’è Gifuni, la vice presidente è il medico Carmen Esposito, la responsabile amministrativa Nunzia Gallo.

Gli obiettivi del nutrito gruppo di volontari che riescono, con un minimo di autofinanziamento e tanta passione, a ritagliarsi il tempo necessario per dedicarsi alla cura e al soccorso dei cani randagi, si possono dire ambiziosi vista la situazione critica e la mancanza di strutture adeguate sul territorio: combattere il randagismo a Sant’Anastasia e oltre, lottando nel contempo per debellare i maltrattamenti sugli animali.

Ad oggi, il fenomeno del randagismo viene gestito dai Comuni, inviando tutti i cani vaganti ai canili convenzionati. Molti li accolgono con tutti i crismi, altri sono veri e propri lager, ma in ogni caso rappresentano una indebita prigionia per gli amici a quattro zampe.

«Quello che abbiamo in mente è già stato realizzato a Vieste, in Puglia –spiega Gifuni – con il supporto delle associazioni di volontariato che si prendono cura dei cani ancor prima che siano affidati ai canili. Li si cura, li si munisce di microchip, li si censisce e li si sterilizza per evitare l’indiscriminata proliferazione. Tentando naturalmente la carta di affidarli in adozione a chi può elargire loro cure ed affetto. In qualche caso li si reimmette sul territorio». Tutte iniziative che l’associazione finanzia con mezzi propri reperiti attraverso le adesioni di soci sostenitori (si può dare una mano con soli cinque euro mensili, per esempio) che contribuiscono tramite un conto collegato all’associazione ai pesanti oneri che attualmente sono a carico dei volontari.

«Intanto faremo quanto in nostro potere per vigilare sui doveri previsti dalla legge e che sono le istituzioni a dover espletare: l’Asl dovrebbe sterilizzare gratuitamente i cani, oggi invece sono i volontari a provvedere, a proprie spese».

Insomma, è un inizio, che però ha già dato molti risultati: dai cani tratti in salvo a quelli adottati. Step dopo step però si persegue un obiettivo che dicevamo molto più ambizioso e che ha già visto una rappresentanza dell’associazione incontrare il sindaco di Sant’Anastasia, Lello Abete, e la vicesindaco Carmen Aprea. «Vorremmo realizzare uno stallo provvisorio, magari su suolo comunale che potrebbe esserci affidato in comodato d’uso, una soluzione che non solo salverebbe molti amici a quattrozampe ma farebbe risparmiare cospicue somme alle casse comunali» – spiega Gifuni.

Ne parleremo, auspicando gli interventi in diretta di numerosi volontari, alle 19 di domani sera, martedì 24 aprile in diretta sulla pagina facebook di Il Mediano.it