Home Cronaca Attualità Giuseppe IV Medici, principe di Ottajano, fu l’ artefice primo dell’ “immegliamento”...

Giuseppe IV Medici, principe di Ottajano, fu l’ artefice primo dell’ “immegliamento” dei vini vesuviani.

326
0
CONDIVIDI

L’ “immegliamento dei vini vesuviani” fu l’ultimo grande progetto del Reale Istituto di Incoraggiamento, che nel 1847 incaricò Vincenzo Semmola, fratello di Mariano, luminare della Medicina napoletana, di censire le uve del Somma-Vesuvio. E nella sua relazione il Semmola descrisse la rivoluzione che Giuseppe IV Medici di Ottajano stava portando nella viticultura e nella produzione dei vini del Vesuvio. L’enologo francese Nicola Lemaitre venuto per far da Maestro ai contadini vesuviani, e costretto a diventare loro allievo.

 

“’o scrianzato s’adda vattere c’’ o scurriato” (cocchiere ottajanese del sec.XX).

 

Nel 1830 gli esecutori testamentari che esaminarono, per l’inventario, la cantina della casa napoletana del Cavaliere Luigi de’ Medici, la cui famiglia possedeva centinaia di moggia di vigneti vesuviani, vi trovarono ” 48 bottiglie di Porto, 150 di Stella, 282 di Madera, 30 di Bordeaux, 17 di Sauternes, 41 del Reno di prima qualità, 19 di seconda qualità, 50 di Setubal, 4 di Costanza, 2 di Tokay, 13 di Alicante, 20 di Buneles, 12 d’Ungheria, 23 di Ermitaggio, 12 di Grande Ermitaggio, 5 di Nizza, 10 di Xeres, 12 di Aleatico, 45 di Champagne, ma di seconda qualità.”. Il nipote Giuseppe, che sarebbe diventato principe di Ottajano e fu erede universale di don Luigi, non trovò nella cantina nemmeno una bottiglia di vino vesuviano e proprio allora, forse, decise che avrebbe dedicato ingegno e capitali all’ “immegliamento” di quel vino. Nel 1847 il Reale Istituto di Incoraggiamento incaricò l’avvocato Vincenzo Semmola di investigare palmo a palmo i vigneti vesuviani e di descrivere analiticamente i metodi di coltivazione della vite e le tecniche di produzione del vino. I risultati della meticolosa indagine, durante la quale l’avvocato ebbe come guide “ i mastri di vigna e di cantina “ del Principe di Ottajano, confluirono in una  articolata relazione, letta ai membri del Reale Istituto  nella seduta del 3 febbraio 1848.

Il Semmola dovette fare i conti prima di tutto con la varietà dei nomi, poiché molti contadini non andavano oltre la distinzione delle uve in bianche e nere: erano ” universali ” solo i nomi delle uve aglianica, catalanesca, olivella, moscadella. Alcune specie prendevano il nome – supponeva il Semmola- da colui che le aveva coltivate per primo: la tarantino, la ferrante, la priore, la donottavio, la capotuosto, la pernice. Don Vincenzo classificò e descrisse con grande cura 112 varietà di uva, illuminando le schede scientifiche delle più note con qualche tocco di vivo colore. La bacca della piedipalumbo, o palombina è ” piuttosto piccola, quanto una palla di fucile di mezza oncia, di color nero, molto sugosa e dolce: dà ottimo vino e amabile”; il vino della nera olivella ” è gentile a un tempo e spiritoso “, mentre quello della nera lugliese,oltre ad essere spiritoso, è anche ” austero a cagione della buccia”.  Della catalanesca scrive il ricercatore: “ottima da tavola. Il vino scarso ma generoso, aromatico e grato: si suole unire alle altre uve bianche e dà nerbo a questo vino. Si coltiva generalmente più per vendere il frutto in piazza che per far vino, superando in dolcezza e sapore quella di qualunque altro luogo“. Il vitigno della nera aglianica verace è gentile, .la  bacca è piuttosto piccola e rotonda, di un bel nero lucido, molto sugosa, dolcissima e graditissima al palato: molto colorito il succo: buccia sottile; dà ottimo, spiritoso e dilicato vino”.

Non merita elogio la nera guarnaccia,  mentre dell’uva greca dice il Semmola che è un vitigno gentile, dalla bacca ” piccola, rotonda, biondeggiante, dura la buccia, tenace, aspra e poco sugosa. Unita alle altre uve bianche si ha il famoso vino greco: scarseggia in frutto. E’ molto raro nei terreni alle falde del Vesuvio; più abbondante in quelli alle basi e falde del Somma. “.  Buono, e non di più, è il vino della falanghina,” vitigno sufficientemente vigoroso”. La mistura delle uve bianche dei vigneti più alti dava quel ” vino eccellente ” che a Somma era chiamato greco, e ” da Portici a Bosco lacrima bianca “: Le ” lacrime ” dell’uva “nera” Semmola le distingueva in mezza lacrima, e in lacrima fina, in base alla fascia da cui le uve provenivano, pur riconoscendo che ” se si volesse un vino per eccellenza squisito, generoso, amabile e aromatico, dovrebbesi fare scelta delle uve, e prediligere l’aglianica, sia verace che di Sanseverino, la pignola, l’olivella, la dolciolella, la capotuosto, la palombina, la priore…“.  Era  ferma convinzione dell’avvocato che i vini dei terreni a sud e a ovest del Vesuvio erano superiori a quelli prodotti dai vigneti a nord e a est del Somma.

I lussureggianti vigneti delle terre vesuviane apparivano a Semmola il regno del disordine. L’incuria e l’avidità dei coltivatori facevano sì che ” si allevassero alla rinfusa tante razze, e buone e malvagie “; le viti erano ” tenute senza metodo costante, a pancate o ad arboscelli, “ e spesso diventavano così alte che bisognava sostenerle, ” con grossa spesa “, con un palo lungo e robusto, e i filari risultavano tanto vicini che, legati i festoni, si formava come un ininterrotto pergolato: i chicchi, oppressi dall’ombra e tenuti lontani dai raggi del sole e dalla circolazione dell’aria, non giungevano a perfetta maturazione. Nei vigneti di Casa Medici tra Ottajano e Terzigno  Semmola trovò i segni dell’ immegliamento: i filari  scorrono da mezzogiorno a settentrione  e sono divisi in “poste “ordinate in modo che ogni quattro poste costituiscono un quadrato equilatero:e questa disposizione viene per quelle contrade conosciuta col nome di quadro e squadro”. Semmola condivise la dottrina dei “mastri” di Giuseppe IV Medici: soprattutto se la stagione è stata piovosa, bisogna “ sfollare” i pampini, per favorire la “libera circolazione dell’aria” e per evitare che i grappoli restino “inviluppati tra le foglie”.  Ovviamente, non bisogna esagerare: “ il fogliame  è l’organo essenziale alla maturazione.. e intorno a ciò l’esperienza mi ha reso istruito essere più necessaria al frutto la libera circolazione dell’aria che la diretta azione del sole”.

Non disse Semmola che per l’ “immegliamento” dei suoi vini Giuseppe IV Medici aveva fatto venire da Bordeaux  Francesco e Nicola Lemaitre, due esperti enologi: e forse non seppe mai quel che andava dicendo Nicola, e cioè che era venuto dalla Francia per insegnare ai contadini vesuviani, e invece era stato costretto a diventare loro alunno. I Lemaitre restarono a Ottajano: i loro nipoti costruirono un signorile palazzo  in fondo al cortile dietro il  Municipio.

E mi raccomando: non confondete Giuseppe IV Medici con Giuseppe V Medici. Uno era il nonno, l’altro il nipote.